Coronavirus, ora è ufficiale: un’altra regione diventerà zona rossa da mercoledì 18 novembre

Coronavirus, ora è ufficiale: un’altra regione diventerà zona rossa a partire da mercoledì 18 novembre.

coronavirus zona rossa
Coronavirus, ora è ufficiale: un’altra regione diventerà zona rossa a partire da mercoledì 18 novembre. (Fonte Getty Images)

Anche l‘Abruzzo diventa zona rossa a partire da mercoledì 18 novembre 2020. Ad anticiparlo è stato il governatore della Regione Marco Marsilio, nel corso della visita all’ospedale ‘San Raffaele’ di Sulmona. L’ordinanza sarà firmata nella giornata di domani. Anche l’Abruzzo, quindi, rientrerà nell’area considerata a più alto rischio, sulla base dell’analisi dei dati epidemiologici. Col dpcm del 3 novembre, infatti, l’Italia è stata suddivisa in tre zone, caratterizzate ognuna da un colore. Rossa, arancione e gialla, in base al livello di criticità presente nelle singole regioni. Nella zona rossa, vi è il divieto di uscire se non per motivi di comprovata necessità e muniti di autocertificazione.

Coronavirus, ora è ufficiale: l’Abruzzo diventerà zona rossa da mercoledì 18 novembre

Da mercoledì 18 novembre l’Abruzzo diventerà zona rossa. Il presidente Marco Marsilio firmerà l’ordinanza domani, ma lo ha anticipato durante la visita all’ospedale San Raffaele di Sulmona. “Abbiamo assunto la decisione di firmare un’ordinanza che applica alla Regione la disciplina contenuta nell’articolo 3 del Dpcm e cioè quella delle cosiddette zone rosse”, ha dichiarato il governatore dell’Abruzzo, specificando però che è stata esclusa la chiusura totale delle scuole di ogni ordine e grado. “L’attuale disciplina di legge non consentirebbe alle famiglie di affrontare questo problema. Tenendo aperte le attività economiche e non avendo congedi parentali o bonus baby sitter, il peso che graverebbe sulle famiglie sarebbe insostenibile”, spiega Marsilio.

(Fonte Google)

Da mercoledì, quindi, in Abruzzo partirà un secondo lockdown, che, salvo modifiche in corso, durerà fino al 3 dicembre. Come nelle altre regioni ‘rosse’, non si potrà uscire se non per motivi di comprovata necessità: stop agli spostamenti tra regioni e comuni, sempre salvo necessità. Molti negozi dovranno abbassare le saracinesche, ma, rispetto al lockdown di marzo, alcune attività resteranno aperte.

  • Per restare sempre aggiornato, seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI