Morte Paolo Rossi, cambia la programmazione: cosa va in onda su Rai, Mediaset e Sky

La morte di Paolo Rossi cambia anche la programmazione televisiva: ecco cosa va in onda sui canali Rai, Mediaset e Sky Calcio

paolo rossi programmazione
Paolo Rossi, cambia la programmazione: cosa va in onda (Fonte: Getty Images)

Paolo Rossi si è spento il 9 dicembre del 2020 a Siena all’età di 64 anni. L’ex calciatore aveva un tumore ai polmoni ed era malato da tempo. Addirittura il fratello ha raccontato che, prima di una diretta televisiva, riceveva delle iniezioni dal medico, che gli consentivano di tirarsi su per un po’ e fare il lavoro che tanto gli piaceva. La morte di Rossi, arrivata poco dopo quella di Diego Armando Maradona, altro mostro sacro del pallone, manda nello sconforto tutti gli amanti del calcio. Paolo e Diego sono stati tra i massimi rappresentanti del calcio mondiale negli anni Ottanta. Rossi con l’Italia e Maradona con l’Argentina hanno brillato nelle competizioni mondiali, vincendo rispettivamente con le proprie nazionali nel 1982 e nel 1986.

Morte Paolo Rossi, cambia la programmazione televisiva

La morte di Paolo Rossi cambia anche la programmazione televisiva. Rai, Mediaset e Sky omaggeranno Pablito con degli speciali ad hoc. Per quanto riguarda la Rai, questa sera, in seconda serata su Rai2, andrà in onda uno speciale dedicato alla leggenda del calcio italiano al posto di “Una pezza di Lundini“. Su RaiPlay, inoltre, sono presenti in homepage tutti gli speciali dedicati al grande campione, tra cui la puntata speciale di Sfide con Alex Zanardi, e la puntata di Blitz con Gianni Minà. SportMediaset, invece, ha realizzato un documentario, “Semplicemente Pablito“, che ripercorre la carriera dell’ex calciatore. Sky Sport, infine, ha dedicato una programmazione speciale per ricordare Rossi. Gli appuntamenti odierni, che saranno disponibili anche on demand, sono “I Signori del Calcio” con Giorgio Porrà e “Buffa racconta Storie Mondiali: Italia Mundial“. Ricordiamo che, nel turno odierno di Europa League, sarà effettuato un minuto di silenzio sui campi da calcio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Nazionale Italiana di Calcio (@azzurri)

La carriera

Paolo Rossi è nato a Prato il 23 settembre del 1956. È stato uno dei calciatori più rappresentativi della nazionale italiana, nonché uno degli attaccanti più prolifici di sempre, in seguito dirigente sportivo e opinionista. Con la nazionale si è laureato campione del mondo nel 1982. In quell’occasione si guadagnò il soprannome di Pablito, per le sue prodezze e per i suoi gol al Mondiale in Brasile. Nello stesso anno del mondiale vinse anche il Pallone d’oro. Nel 2004 è stato inserito nel FIFA 100, una lista dei 125 più grandi giocatori viventi, selezionata da Pelé e dalla FIFA in occasione del centenario della federazione. Insieme a Roberto Baggio e Christian Vieri detiene il record italiano di marcature nei Mondiali a quota 9 gol ed è stato il primo giocatore ad aver vinto nello stesso anno il Mondiale, il titolo di capocannoniere di quest’ultima competizione e il Pallone d’oro.