Giovanni Conversano: “C’era il rischio che potessero morire”, la paura prima di diventare di nuovo papà

Giovanni Conversano ha raccontato della grande paura presa prima che la sua compagna Giada partorisse: c’era il rischio che lei e la bambina potessero morire, ecco il toccante racconto.

giovanni conversano giada
L’ex tronista Giovanni Conversano racconta la forte paura prima del parto della sua compagna

Giovanni Conversano è diventato papà per la seconda volta: dall’unione tra l’ex tronista di Uomini e Donne e la compagna Giada Pezzaioli è nata una bimba, Ambra. A dare l’annuncio è stato l’ex calciatore sul suo canale Instagram: “Questa notte ho provato l’emozione più bella della mia vita: veder nascere “in diretta” mia figlia. È una cosa che auguro a qualsiasi papà!” ha scritto come didascalia. Conversano e Giada hanno regalato una sorellina al piccolo Enea. Solo adesso però spuntano delle dichiarazioni davvero spiazzanti: Conversano ha raccontato alcuni momenti difficili vissuti insieme alla compagna poco prima della nascita della secondogenita. Ha vissuto momenti di grande paura, per fortuna tutto è andato per il meglio. Ecco le parole dell’ex volto noto di Uomini e Donne.

Giovanni Conversano: “C’era il rischio che potessero morire”, la paura prima di diventare di nuovo papà

Giovanni Conversano in un’intervista a Nuovo ha raccontato un retroscena drammatico riguardo il parto che ha dovuto affrontare la sua compagna, prima che nascesse la piccola Ambra, secondogenita della coppia. “Giada si è ostinata a fare il parto naturale nonostante Enea fosse nato con il taglio cesareo. Per questo motivo il ginecologo ce l’aveva sconsigliato. Ed è stato il mio pensiero continuo per mesi, finché lei non ha partorito” sono le parole di Giovanni. Tutto è andato per il meglio e la piccola Ambra sta bene, così come mamma Giada. Per Giovanni però quei momenti sono stati davvero difficili: “Ha firmato il consenso informato, per cui c’era il rischio che lei e la bambina potessero morire. Insomma, anche se Giada era sotto controllo, c’era un’alta probabilità che questo potesse accadere, dato che nel parto precedente aveva fatto il cesareo”.

Giovanni ha continuato il suo racconto spiegando di aver provato a convincere la sua compagna a fare di nuovo cesareo. “Ho cercato di convincerla a evitare ma lei sentiva forte il desiderio di provare l’esperienza del parto naturale. In più, a causa del cesareo, tre anni fa le avevano dato quaranta punti di sutura e sei mesi di degenza. Una sofferenza”. Le parole le riporta Leggo. Conversano ha raccontato questi retroscena che riguardano le ore prima del parto: la gravidanza si è conclusa alla grande, la famiglia si è allargata ed insieme sono splendidi!