Scontro Fedez-Rai, parla il direttore Franco Di Mare: “Manipolazione dei fatti”

Il direttore di Rai 3 Franco Di Mare risponde in commissione di Vigilanza Rai sul caso Fedez e nega qualunque tipo di censura verso l’artista.

Fedez Rai Franco Di Mare
Fedez-Rai, parla Franco Di Mare: “Manipolazione dei fatti” (Rai Play)

Sul clamoroso caso sollevato da Fedez sul presunto tentativo di censura nei suoi confronti per il discorso tenuto al Concerto del Primo Maggio, il direttore di Rai 3 Franco Di Mare, si era già espresso. Il giornalista ha dichiarato che Fedez dovrebbe scusarsi con la Rai. Il suo intervento in commissione di Vigilanza Rai era molto atteso: Di Mare accusa il marito di Chiara Ferragni di “manipolazione dei fatti”.

La Rai non avrebbe chiesto preventivamente il testo di Fedez, il quale avrebbe quindi mentito. Secondo Di Mare, la Rai era all’oscuro di ciò, la responsabilità sarebbe di iCompany, oragnizzatrice dell’evento, che fa capo al dottor Massimo Bonelli. “Il contratto prevede che la Rai fornisca attrezzature e maestranze, affinché l’evento si realizzi”, spiega.

Segui anche la nostra pagina Instagram—>>clicca qui

Fedez, Franco Di Mare sulla telefonata incriminata

Riguardo alla telefonata intercorsa tra Fedez e la Rai, Franco Di Mare ha dichiarato: “La Rai non ha chiesto nulla. Lo ha fatto invece l’organizzazione, per voce del titolare dell’agenzia cui era stata affidata organizzazione del soggetto. Sapevano anche i sindacati, ma a rispondere al titolare dell’agenzia è la sola Ilaria Capitani, vicedirettrice di Rai3”. Il giornalista afferma che è normale in un evento di tale portata consultare i testi, sarebbe una questione di responsabilità, e che Bonelli ha fatto semplicemente il suo dovere.

Riguardo al famoso video pubblicato da Fedez, il direttore di Rai 3 ha dichiarato che questo è frutto di una manipolazione: “Il video pubblicato da Fedez non è nemmeno un riassunto, è una manipolazione, per alterare il senso delle cose”.

Fedez Rai Franco Di Mare
Fedez, parla il direttore di Rai 3 Franco Di Mare: “Manipolazione dei fatti” (Instagram)

Infine, dopo l’enorme eco raggiunta dal caso in questione, il giornalista si chiede: “Chi pagherà per tutto questo? Noi ci aspettiamo scuse che non arriveranno mai ed è una pena, perché la rete che dirigo ad interim è la terza generalista d’Italia, è una rete che si impone per correttezza, limpidezza e trasparenza”.