Razzo cinese, non solo chiusi in casa: cosa consiglia di fare la Protezione Civile

Prevista la caduta di un Razzo cinese sulla Terra: la protezione civile ha diramato una serie di consigli utilissimi, cosa bisogna fare.

Razzo Cinese
Razzo cinese fuori controlla, cosa bisogna fare per la Protezione Civile. Fonte Foto: Pixabay

Non si fa altro che parlare di questo: la “furia” incontrollata del Razzo Cinese in caduta sulla Terra proprio nelle prossime ore. Lanciato nello spazio il 29 Aprile, sembrerebbe che esso stia per cadere sul nostro pianete proprio quest’oggi. Come raccontato anche in un nostro recentissimo, sembrerebbe che l’orario previsto sia intorno le ore 2:24 di Domenica 9 Maggio. E che le zone maggiormente a rischio sia principalmente nove. In particolare, sembrerebbe che ben nove Regioni del Sud Italia potranno essere coinvolti. Quali? Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Leggi anche –> Razzo cinese fuori controllo, potrebbe colpire la Terra: a che ora è previsto l’impatto

Che fare, quindi? A dare degli utilissimi ed indispensabili consigli, è stata proprio la Protezione Civile. Attraverso un comunicato stampa, infatti, è stato chiaramente detto cosa bisogna fare e cosa non. Di che cosa stiamo parlando esattamente? Scopriamo insieme ogni cosa.

Razzo Cinese in caduta sulla Terra, i consigli della Protezione Civile: cosa occorre fare

Come se non bastasse, anche il Razzo cinese in caduta sulla Terra sta attanagliando questa nostra giornata. Cosa fare, però? A spiegare ogni cosa nel minimo dettaglio, come dicevamo precedentemente, è stata proprio la Protezione Civile. Attraverso un comunicato stampa, infatti, sono stati diramati alcuni consigli utilissimi su come comportarsi. Ovviamente, la cosa più importante da fare è quella di stare lontani da finestre e porte vetrate. Ma non solo.

Stando a quanto si apprende da questo comunicato stampa diramato dalla Protezione Civile, seppure sia poco probabile la caduta di edifici, è meglio restare chiusi in casa ed essere lontani da porte vetrate e finestre. Questo, però, non basterebbe affatto. Appurato che i piani più alti potrebbero essere maggiormente a rischio di quelli bassi perché, qualora i frammenti andassero ad impattare sui tetti, essi potrebbero provocare la caduta anche dei solai, è necessario ripararsi in alcuni punti “nevralgici” delle proprie abitazioni. Se edifici in muratura, infatti, è indispensabile ripararsi ‘sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi)’. Se edifici in cemento armato, invece, è indispensabile ‘ripararsi in vicinanza delle colonne e, comunque, in vicinanza delle pareti’. Infine, cosa da non sottovalutare: qualora avvistaste un frammento, non toccatelo! Piuttosto, segnalatelo immediatamente alle autorità.

Razzo Cinese
Fonte Foto: Pixabay

Cosa ne pensate?