Non c’è pace per l’India, terribile notizia: si contano i morti

L’India non trova pace: mentre combatte contro l’emergenza Covid, si ritrova a vivere momenti di panico per il Ciclone Tauktae. Oltre 20 i decessi.

india ciclone
Il Ciclone in India distrugge vite: il paese si ritrova a vivere attimi di terrore, mentre combatte contro l’emergenza Coronavirus

Una tragica notizia arriva dall’India. Il Ciclone Tauktae ha investito le coste occidentali dell’India scatenando tutta la sua potenza. Non c’è pace per il paese che combatte contro la pandemia di Covid.19: la variante del virus continua a far paura ma la popolazione adesso combatte contro un terribile ciclone, il più grande nella regione da decenni. Venti fino a 185 chilometri all’ora e onde alte fino a tre metri: i decessi accertati al momento sono oltre 20 ma i soccorsi sono al lavoro, migliaia sono i dispersi. Ecco nel dettaglio gli ultimi aggiornamenti.

Leggi anche Coronavirus, variante indiana in Italia: due casi in Veneto, come si sono contagiati

Non c’è pace per l’India, terribile notizia: il Ciclone Tauktae investe la costa, si contano i morti

Oltre all’emergenza Covid, l’India si ritrova a fare i conti con il Ciclone Tauktae. Venti fortissimi e onde altissime si sono abbattute sulla costa occidentale del paese: parliamo di uno dei 5 cicloni più forti di sempre sul Mar Arabico. Si legge che domenica, venti, forti piogge e mareggiate hanno investito la fascia costiera del Kerala, Karnataka e Goa. Si sono danneggiate centinaia di case, sradicato pali dell’elettricità e alberi. Le zone basse sono state evacuate: secondo fonti locali, almeno 6 persone sono morte tra Karnataka e Goa. Sulle coste occidentali dell’India il Ciclone Tauktae conta oltre 20 decessi, ma i soccorsi sono ancora al lavoro. Tra Maharashtra e il Gujarat si registra il maggior numero di vittime.

  • Per restare sempre aggiornato, seguici anche sul nostro canale ufficiale di Instagram —–> CLICCA QUI

L’enorme vortice, il più grande nella regione da decenni, ha trasformato le strade in fiumi costringendo centinaia di migliaia di persone a fuggire. Il pericolo è ancora tanto: sono previste ulteriori piogge e forti raffiche di vento anche nelle prossime ore.