Lucio Dalla, quel ‘rimpianto’: duro retroscena, avrebbe voluto farlo indiscutibilmente

Lucio Dalla, avrebbe voluto farlo indiscutibilmente: duro retroscena emerso solo adesso.

Lucio dalla
Lucio Dalla, avrebbe certamente voluto farlo: duro retroscena (fonte getty)

Cantautore straordinario, Lucio Dalla è stato un mito del panorama musicale, sempre alla ricerca di nuovi stimoli, sempre pronto ad immergersi in nuove sperimentazioni. Ci ha lasciato nel 2012, ma ha lasciato qui, una vastità d’opere che continuano ad avvolgerci amorevolmente. In una sua ultima intervista, concessa al quotidiano Libération, alla domanda ‘Lei nasce come jazzista?, la sua risposta è stata:

La mia storia musicale è cominciata così, è lì che si è formato il mio amore per la musica che poi pian piano è cambiato. La musica non ha steccati. Ho fatto anche regìe di opere liriche, ho prodotto molti artisti”. Qui, Dalla ha proseguito nel racconto di sè e dalle sue parole, si capisce chiaramente, cosa avrebbe voluto fare, ma non è stato più possibile.

Segui anche il nostro canale INSTAGRAM: regaliamo scoop, meme e intrattenimento! Clicca qui

Lucio Dalla, avrebbe voluto farlo indiscutibilmente: quel ‘rimpianto’

Lucio Dalla, prima della sua scomparsa, aveva rilasciato un’intervista al quotidiano Liberation. Qui, l’incredibile artista si è apertamente raccontato. La sua storia musicale, come da lui detto, nasce come jazzista, ed è lì che è cominciato il suo amore per la musica. Qui, Dalla ha svelato com’è nata Caruso: “In modo totalmente casuale, la mia barca si è rotta e ho dovuto fermarmi al porto di Sorrento. Mentre aspettavo che la riparassero, mi diedero la suite dove era morto Caruso. C’era il pianoforte che aveva usato lui e mi sono fatto raccontare le ultime ore della sua vita e poi ho aggiunto i pezzi in napoletano per dare l’epos giusto”.

Leggi anche Lucio Dalla, clamorosa scoperta: dal mare riemerge una sua maglia autografata

Ma il cantautore, sembrerebbe, forse, aver lasciato un ‘rimpianto’. Infatti, Dalla doveva suonare all’Olympia il 13 marzo, e lui, proprio qualche giorno prima diceva: “Non vedo l’ora di tornare all’OLympia”. Purtroppo, non è stato possibile, l’artista si è spento il 1 marzo del 2012.

Avrebbe voluto farlo indiscutibilmente, suonare lì, non è stato possibile, ma ha continuato a suonare nei nostri cuori.