Flavio Briatore, un dramma con cui difficilmente si riesce a fare i conti: un lutto praticamente ‘improvviso’

Un lutto ‘improvviso’ per Flavio Briatore, un dramma difficile da superare: di seguito vi riportiamo le parole dell’imprenditore

flavio briatore lutto
Flavio Briatore, lutto ‘improviso’: dramma veramente difficile da superare (Fonte: Instagram)

Flavio Briatore è un imprenditore nato a Verzuolo, in provincia di Cuneo, il 12 aprile 1950. È conosciuto principalmente per essere stato il team manager in Formula 1 della scuderia Benetton, divenuta poi Renault, e per essere a capo del Gruppo internazionale di hospitality di lusso Billionaire Life. Nell’aprile 2017 ha pubblicato anche un libro, intitolato “Sulla ricchezza“, scritto in collaborazione con il giornalista e scrittore Carmelo Abbate.

LEGGI ANCHE: Flavio Briatore, arriva la notizia tanto attesa: l’annuncio

Flavio Briatore, dramma difficile da superare: un lutto ‘improvviso’

La vita di Flavio Briatore, nonostante sia uno degli uomini più ricchi in Italia, non è stata sempre rose e fiori. Nel 2015, ad esempio, ha perso un fratello, Walter. Un lutto ‘improvviso’, un dramma sicuramente difficile da superare. In un’intervista rilasciata a Il Corriere della Sera, Briatore ha raccontato che il fratello “faceva la vita che tutti i medici raccomandano”, ovvero “il contrario della sua”: l’uomo infatti si alzava alle sei del mattino e andava a dormire alle nove di sera; lavorava nei campi, coltivava ulivi e produceva un olio straordinario.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Flavio Briatore (@briatoreflavio)


Briatore poi aggiunge: “È tornato a casa alle sette di sera, ha fatto la doccia, si è seduto sul divano ed è morto. Un infarto fulminante”. Questo lutto ‘improvviso’ ha cambiato la sua visione del mondo: “Ora, la mattina mi faccio la barba, mi guardo allo specchio e sento che siamo fragili”.

Oltre al fratello, defunto nel 2015, Briatore ha anche una sorella, gemella di Walter. I suoi genitori erano maestri di scuola elementare e durante l’infanzia si spostò con loro a Montaldo di Mondovì.