Scherzi a parte, furia Massimo Giletti: avete visto cos’è successo?

Lo scherzo a Massimo Giletti andato in onda a “Scherzi a parte” finisce male: il conduttore televisivo non digerisce quello che è successo

massimo giletti scherzi a parte
Scherzi a parte, Massimo Giletti è una furia: avete visto cos’è successo? (Fonte: Screen Mediaset Play)

Massimo Giletti è stato tra i protagonisti della puntata odierna di “Scherzi a parte”, noto programma televisivo in onda su Canale 5 la domenica in prima serata. Il conduttore televisivo, però, non ha preso bene lo scherzo organizzato dalla produzione ed ha reagito male. Di seguito vi spieghiamo cos’è successo.

LEGGI ANCHE: Scherzi a Parte ritorna in tv dopo 3 anni: incredibile novità, non era mai accaduto prima d’ora

Scherzi a parte, Massimo Giletti reagisce male

Questa sera è andata in onda una nuova puntata di Scherzi a parte. Il noto programma televisivo è tornato in onda dopo un periodo di stop. Le prime puntate hanno ottenuto un buon riscontro in termini d’ascolti. Nella puntata di stasera tra i protagonisti degli scherzi organizzati dalla produzione figurava anche Massimo Giletti, noto conduttore televisivo in onda su LA7 con Non è l’Arena.

Lo scherzo organizzato ai danni di Giletti è stato – a dire il vero – abbastanza crudele. La produzione, con la complicità di un’amica di Giletti, ha fatto credere al conduttore televisivo di dover presenziare alla presentazione di un libro dedicato a Gabriele D’Annunzio.

Alla presentazione era presente anche un ‘finto’ discendente del noto scrittore, il quale ha fatto credere a Giletti di avere la penna con la quale il poeta scriveva le sue poesie. Il discendente di D’Annunzio ha poi chiesto a Giletti di firmare le copie del libro con la ‘finta’ penna dello scrittore.


Terminata la presentazione, Giletti è stato richiamato dall’organizzatore dell’evento e soprattutto dal ‘finto’ discendente di D’Annunzio che l’ha accusato di aver rubato la ‘preziosa’ penna. Giletti è andato su tutte le furie, discolpandosi ovviamente da quanto successo. In realtà, la penna era stata rubata dal suo autista, altro complice dello scherzo.

L’autista si è poi incontrato con un ricettatore per cedere la penna e di fronte alla resistenza di Giletti, che non voleva essere invischiato, l’ha scaricato fuori alla stazione di Pescina. Lì è arrivato poi un corriere, che ha consegnato al conduttore la lettera con su scritto: “Sei su scherzi a parte“. Giletti ha preso malissimo lo scherzo: “Registrate pure, tanto non vi lascio la liberatoria“.