Covid, spostamento del coprifuoco: lunedì la decisione, cosa potrebbe accadere

Lunedì 17 maggio potrebbe arrivare la decisione sullo spostamento del coprifuoco: cosa potrebbe cambiare.

Coprifuoco
Cosa potrebbe essere deciso lunedì 17 maggio: si parlerà di coprifuoco

Lunedì 17 maggio potrebbero arrivare ancora novità, a quanto pare, si discute su un possibile spostamento del cambio di orario per quanto riguarda il coprifuoco. Ormai questo tema è al centro dell’attenzione, e negli ultimi tempi non si parla d’altro.

Ma lunedì, dovrebbe esserci anche una nuova suddivisione delle zone in gialla, rossa e arancione, e sembrerebbe, che la situazione non cambi di molto, dato che, la maggior parte delle regioni dovrebbero essere anche in zona gialla. Ma cosa potrebbe succedere da lunedì 17 maggio per quanto riguarda il coprifuoco?

Segui anche il nostro canale ufficiale instagram per essere sempre aggiornato–>> clicca qui

Covid, lunedì possibile spostamento del coprifuoco: cosa potrebbe succedere

Negli ultimi tempi non si parla d’altro, il tema coprifuoco è al centro dell’attenzione, dato che, molti chiedono che questa misura, possa subire uno spostamento. Infatti, come sappiamo, il coprifuoco è stato stabilito alle 22, e anche gli esperti sembrano dividersi, molti, finchè non ci sia un abbassamento maggiore della curva dei contagi, chiedono un non spostamento dell’orario del coprifuoco.

Ma proprio questo lunedì 17 maggio, potrebbe essere presa una prima decisione, dato che, è in programma la riunione della cabina di regia. Il presidente del consiglio, Mario Draghi, ha affermato, da tempo, che il coprifuoco rimarrà, e che bisogna assumere un atteggiamento di prudenza.

Coronavirus
Lunedì 17 maggio si parlerà di coprifuoco

Al momento, l’ipotesi è quella che il coprifuoco possa passare dalle 22 alle 23 già dal 24 maggio, così com’è stato chiesto dalle Regioni. Al momento non c’è nessuna sicurezza, e si parla soltanto di probabilità e di ipotesi. Lunedì 17 maggio, ci sarà anche l’attuazione del nuovo cambio di regioni, che dovrebbe portare ad un Italia quasi tutta gialla, con qualche eccezioni, in attesa di maggiori chiarimenti e di sicurezze.