A chi si ispira il personaggio di Miranda Priestly de “Il diavolo veste Prada”: la vera storia

Miranda Priestly è il personaggio più iconico del film cult “Il diavolo veste Prada”: forse non tutti sanno a chi si ispira in realtà.

In onda questa sera su Canale 5 un vero cult del cinema: sebbene siano passati ben 16 anni dalla sua uscita, Il diavolo veste Prada resta un grande classico che tutti dovrebbero vedere almeno una volta nella vita.

a chi si ispira il personaggio di Miranda Priestly
Sapete a chi si ispira il personaggio di Miranda Priestly de “Il diavolo veste Prada”? La vera storia (Credits: Youtube)

Interpretato da un cast stellare capitanato dall’eccezionale Meryl Streep che veste i panni della temibile Miranda Priestly, il film è tratto dall’omonimo romanzo di Lauren Weisberger.

Il libro però è a sua volta ispirato ad una storia vera: la scrittrice vi narra infatti la propria esperienza come assistente di una potentissima donna americana, diventata un vero guru nel settore della moda.

Inutile dire che la Weisberger sarebbe nella pellicola la giovane Andrea (interpretata dalla bravissima Anne Hathaway) che, appena laureata, viene assunta dalla rivista Runway. Ma chi c’è dietro il personaggio della direttrice Miranda?

Il diavolo veste Prada, chi è Miranda Priestly nella realtà

Come tutti sanno, nel film Miranda Priestly è l’emblema della tirannia: dispotica e snob, renderà gli inizi di Andrea davvero difficili. Ebbene, Miranda in realtà non sarebbe altro che Anna Wintour, celeberrima direttrice di Vogue America dal 1988.

In effetti, seppur con pettinature e stili diversi, è incredibile come il personaggio di Miranda riesca a ricordare molto la regina di tutte le fashion week. Londinese, nata nel 1949, ha iniziato a portare il suo iconico caschetto dall’età di 14 anni.

Non sappiamo se nella vita reale la Wintour sia davvero come è descritta nel film tramite la figura della Priestly, ma alcune leggende metropolitane la vorrebbero esattamente così.

Fortunatamente pare che la pellicola le sia piaciuta, forse anche per l’eccellente interpretazione di Maryl Streep. Quest’ultima, che in effetti è stata impeccabile nella sua performance, ha tuttavia raccontato di essersi ispirata ad altri personaggi per entrare nella parte.

Per il look avrebbe attinto da Carmen Dell’Orefice e Christine Lagarde, mentre per il lato comico avrebbe cercato di carpire alcuni tratti del regista e cabarettista Mike Nichols.

a chi si ispira il personaggio di Miranda Priestly
Credits: Youtube

Non possiamo fare a meno di complimentarci anche con lei, non credete?