La clinica della pelle, Miya: “È terribile, non sto bene”, poi non trattiene le lacrime

La clinica della pelle, il dramma di Miya le fa vivere un incubo tremendo: “È terribile”, la giovane paziente non trattiene le lacrime nel raccontarlo.

Potremmo iniziare proprio così questo nostro articolo: “l’abito non fa il monaco”. Quante volte vi è capitato di incontrare persone o di avere a che fare con loro e di avere la sensazione che sono invincibili o sicuri di sé? Ebbene: tante volte può capitare che dietro a questa parvenza di sicurezza, in realtà, si nascondono dei veri e propri drammi. Ce ne da la conferma Miya, una giovanissima paziente della dottoressa Craythorne a La clinica della pelle.

La clinica della pelle Miya
Miya a La clinica della pelle: il suo dramma. Fonte Foto: discovery

Leggi anche –> La clinica della pelle, Carys è devastata: “La situazione è grave”, choc inimmaginabile

Giovane e bellissima, Miya ha raccontato alle telecamere del programma di vivere, sin dalla sua adolescenza, un vero e proprio incubo per via dell’acne scoppiata in un posto ‘particolare’ del suo corpo. Solitamente siamo abituati a vedere questa malattia diffondersi sul viso. Con Miya, invece, non è stato affatto così. L’acne, infatti, si è diffuso su una parte non visibile del corpo agli occhi di tutti, ma che ugualmente le rende la vita terribile. “È come se stessi ingannando le persone”, ha raccontato. Scopriamo insieme qualche cosa in più.

Leggi anche –> La clinica della pelle, Elisha non se lo sarebbe mai immaginato: ha scoperto l’impensabile

La clinica della pelle, Miya e l’acne: incubo impressionante, cos’è successo

Alle telecamere de La clinica della pelle, Miya ha raccontato di soffrire di acne sin dall’adolescenza. E che con il passare del tempo la situazione si è letteralmente complicata. È partita, infatti, da ‘semplici’ brufoli. Ed è arrivata ad avere oltre ad essi, anche punti neri e, addirittura, cisti. Una situazione del tutto ingestibile, quindi. E che l’ha spinta più volte a recarsi da specialisti. Nessuno di loro, però, ha saputo darle una cura specifica. O, addirittura, una diagnosi precisa. C’è chi, infatti, le diceva di soffrire di follicolite, di idrosadenite supportativa o acne. “Mi sono data per vinta”, ha detto, non nascondendo la sua amarezza. È proprio per questo motivo, quindi, che Miya ha deciso di rivolgersi alla dottoressa Craythorne.

Leggi anche –> La clinica della pelle, Chelsea: “Porto questo fardello tutti i giorni”, non è come immaginava, clamoroso

L’acne di Miya, purtroppo, si era diffusa sulle cosce e, addirittura, si era diffusa anche sulla parte superiore di esse. “Non posso indossare pantaloncini  o costumi da bagno”, ha detto la giovane alla dottoressa. Fortunatamente la cura prescrittole dalla dermatologa è stata quella che più ha avuto risultati. Con una crema detergente per la pelle, un’altra per trattare le pelle più segnata dalla malattia ed un antibiotico per lenire l’infiammazione, i risultati sono stati immediati.

La clinica della pelle Miya
Fonte Foto: Discovery

A distanza di tre mesi, infatti, la pelle di Miya è completamente differente. “Mi sento molto meglio”, ha detto. Infine, la dottoressa Craythorne ha trattato la parte della pelle più scura perché segnata dai segni della malattia con il laser.